Carrozze FS “tipo 1959” Rivarossi – parte II: anni ’90 di tutti i colori

Dopo il successo delle carrozze “tipo 1959” in livrea grigio ardesia, nel 1992 Rivarossi le propone nell’allora attuale livrea rosso fegato-grigio beige, introdotta verso la metà degli anni ‘80 (art. 3500 la prima classe con marcatura 51 83 19-30 207-2 A, art. 3501 e 3502 la seconda classe, con due diversi numeri di servizio, rispettivamente 51 83 29-70 119-8 B e 51 83 29-70 167-7 B). Le loro caratteristiche sono analoghe a quelle delle precedenti versioni in grigio ardesia; la coloritura è ben realizzata anche se un piccolo appunto può essere mosso al logo FS “a losanga”, di dimensioni un po’ troppo generose.

Carrozza di 1ª classe rosso fegato-grigio beige, art. 3500 – foto da ebay
Carrozza di 1ª classe rosso fegato-grigio beige, art. 3500 – foto da ebay

 

Carrozza di 2ª classe rosso fegato-grigio beige, art. 3502
Carrozza di 2ª classe rosso fegato-grigio beige, art. 3502

 

Inoltre viene resa disponibile, in serie limitata “Galletto”, una confezione di 4 carrozze (prima classe, due seconde e postale “tipo 1949”, art. 5300) tutte in livrea grigio ardesia, con diversi numeri di servizio rispetto a quelle vendute singolarmente (51 83 19-40 227-8 A la prima classe, 51 83 29-80 381-2 B, 51 83 29-70 323-6 B le due seconde classi) e con montata di serie l’illuminazione interna.

Confezione art. 5300 - foto da ebay
Confezione art. 5300 – foto da ebay

 

L’anno successivo (1993) viene realizzata la versione mista di prima e seconda classe, che viene subito declinata in tutte le coloriture possibili: oltre ai già visti grigio ardesia (art. 3508, marcatura 51 83 39-80 337-2 AB) e rosso fegato-grigio beige (art. 3509, marcatura 51 83 39-80 321-6 AB) ci sono anche quella nella colorazione d’origine castano (art. 3507, marcatura ABz 64221) e quella nella particolare livrea blu-celeste, ricevuta negli anni ‘60 da poche unità destinate a entrare in composizione al prestigioso rapido Milano-Napoli denominato “Treno Azzurro” e ad un analogo rapido Torino-Napoli (in realtà solo quest’ultimo aveva di norma in composizione carrozze miste).

Carrozza mista di 1ª e 2ª classe grigio ardesia, art. 3508
Carrozza mista di 1ª e 2ª classe grigio ardesia, art. 3508

 

Carrozza mista di 1ª e 2ª classe rosso fegato-grigio beige, art. 3509
Carrozza mista di 1ª e 2ª classe rosso fegato-grigio beige, art. 3509

 

Carrozza mista di 1ª e 2ª classe castano, art. 3507 - foto da ebay
Carrozza mista di 1ª e 2ª classe castano, art. 3507 – foto da ebay

 

Queste ultime colorazioni vengono applicate anche alle precedenti versioni di prima classe e di seconda classe; mentre quelle in livrea castano sono in vendita singolarmente (art. 3504 la prima classe, marcata Az 23670, art. 3505 e 3506 la seconda classe, con due diversi numeri di servizio, rispettivamente Bz 45324 e Bz 45327), tutte quelle in livrea “Treno Azzurro” sono disponibili esclusivamente in confezione unica (art. 5301 comprendente una prima classe marcata Az 23675, una mista marcata ABz 64230 e due seconde marcate Bz 45340 e Bz 45341, con illuminazione interna già montata in fabbrica) in serie limitata “Galletto”, cosa che chiaramente comporta un innalzamento del prezzo, destinate ad abbinarsi alla E646 nei colori “Treno Azzurro” che Rivarossi mette in commercio nello stesso periodo (ma non in serie limitata) o anche a quella prodotta da Lima un paio d’anni prima. La coloritura adottata suscita discussioni tra gli appassionati in quanto le esatte tonalità della livrea “Treno Azzurro” sono sconosciute dato che le FS non avevano conservato campioni di colore e le ultime carrozze con questa livrea erano scomparse nei primi anni ’70. Ad ogni modo, basandosi sulle (poche) immagini a colori dell’epoca si può rilevare, sempre con beneficio d’inventario, che, rispetto ai modelli, la colorazione delle carrozze vere risultava sensibilmente differente, il celeste infatti appariva più chiaro e il blu più scuro. Ad essere pignoli inoltre sarebbe stato opportuno colorare in castano il sottocassa e i carrelli, i quali oltretutto sulle unità miste e di seconda classe sarebbero dovuti essere di tipo 27 anziché 24.

Confezione di 4 carrozze in livrea "Treno Azzurro", art. 5301 - foto da ebay
Confezione di 4 carrozze in livrea “Treno Azzurro”, art. 5301 – foto da ebay

 

Carrozza di 1ª classe castano, art. 3504 - foto da kijiji
Carrozza di 1ª classe castano, art. 3504 – foto da kijiji

 

Carrozza di 2ª classe castano, art. 3505 - foto da ebay
Carrozza di 2ª classe castano, art. 3505 – foto da ebay

 

Nello stesso 1993 arrivano ulteriori versioni in serie limitata e fuori catalogo, che costituiscono i premi di un concorso a punti indetto dalla stessa Rivarossi: si tratta di una prima e di due seconde classi (rispettivamente art. 3516, marcata 51 83 19-40 225-2 A, art. 3517, marcata 51 83 29-70 463-0 B e art. 3518, marcata 51 83 29-80 303-6 B) in livrea grigio ardesia, sempre ambientate negli anni ‘80. Rispetto a quelle della produzione normale si differenziano unicamente per i numeri di servizio e per la presenza, sul sottocassa, di una targhetta metallica con il logo Rivarossi del “Galletto” e il numero di serie.

Depliant del concorso "Operazione a premi Rivarossi 093", in palio le carrozze "tipo 1959"
Depliant del concorso “Operazione a premi Rivarossi ’93”, in palio le carrozze “tipo 1959”

 

Carrozza di 2ª classe grigio ardesia, art. 3517 - foto da ebay
Carrozza di 2ª classe grigio ardesia, art. 3517 – foto da ebay

 

Particolare della targhetta posta nel sottocassa della carrozza art. 3517 - foto da ebay
Particolare della targhetta posta nel sottocassa della carrozza art. 3517 – foto da ebay

 

Nel 1994 le carrozze “Treno Azzurro” vengono messe in vendita anche singolarmente e non più in serie limitata, con buona pace di chi le aveva acquistate a caro prezzo qualche anno prima (art. 3549 la prima classe, marcata Az 23685, art. 3550 la mista, marcata ABz 64256, art. 3551 e 3552 la seconda classe, con due diverse numerazioni, rispettivamente Bz 45440 e Bz 45441).

Carrozza di 1ª classe "Treno Azzurro", art. 3549 – foto da ebay
Carrozza di 1ª classe “Treno Azzurro”, art. 3549 – foto da ebay

 

Carrozza mista di 1ª e 2ª classe "Treno Azzurro", art. 3550 – foto da ebay
Carrozza mista di 1ª e 2ª classe “Treno Azzurro”, art. 3550 – foto da ebay

 

Carrozza di 2ª classe "Treno Azzurro", art. 3552 – foto da ebay
Carrozza di 2ª classe “Treno Azzurro”, art. 3552 – foto da ebay

 

Nel 1995 le carrozze in livrea grigio ardesia vengono presentate con nuovi numeri di servzio (art. 3558 la prima classe, marcata 51 83 19-40 226-0 A, art. 3559 e 3560 la seconda classe con due diverse numerazioni, rispettivamente 51 83 29-70 221-2 B e 51 83 29-70 480-4 B), sempre ambientate negli anni ’80-primi ’90 e questa volta senza l’incongruenza della “z” nella marcatura letterale.

Carrozza di 1ª classe grigio ardesia, art. 3558 – foto da ebay
Carrozza di 1ª classe grigio ardesia, art. 3558 – foto da ebay

 

Carrozza di 2ª classe grigio ardesia, art. 3559 – foto da pagina Facebook "Rivarossi Trenini Elettrici"
Carrozza di 2ª classe grigio ardesia, art. 3559 – foto da pagina Facebook “Rivarossi Trenini Elettrici”

 

Poco dopo arrivano alcune versioni un po’ di nicchia: nel 1996 una prima classe (art. 3588, marcata Az 23692), una mista (art. 3591, marcata ABz 64615) e due seconde (art. 3589 e 3590, marcate rispettivamente Bz 45739 e Bz 45823) in livrea grigio ardesia con logo FS “a televisore”, marcatura FS (pre-UIC) e cifre indicanti la classe in posizione bassa, ambientabili nella seconda metà degli anni ‘60;

Carrozza di 1ª classe grigio ardesia con marcatura FS, art. 3588 – foto da ebay
Carrozza di 1ª classe grigio ardesia con marcatura FS, art. 3588 – foto da ebay

 

Carrozza mista di 1ª e 2ª classe grigio ardesia con marcatura FS, art. 3591 - foto da ebay
Carrozza mista di 1ª e 2ª classe grigio ardesia con marcatura FS, art. 3591 – foto da ebay

 

Carrozza mista di 1ª e 2ª classe grigio ardesia, art. 3508
Carrozza di 2ª classe grigio ardesia con marcatura FS, art. 3590 – foto da ebay

 

nel 1998 un’inedita seconda classe con posto ristoro in livrea grigio ardesia con marcatura FS (Bz 45281) e con l’effimero logo FS-Italia ovale introdotto negli anni ’60 (ma quasi subito rimpiazzato da quello “a televisore”), ambientabile intorno al 1965 (art. 3617);

Carrozza di 2ª classe grigio ardesia con posto ristoro e logo FS ovale, art. 3617 – foto da ebay
Carrozza di 2ª classe grigio ardesia con posto ristoro e logo FS ovale, art. 3617 – foto da ebay

 

infine nel 2000 una confezione (art. 3608) contenente una prima classe (51 83 19-40 228-6 Az), una mista (51 83 39-40 347-0 ABz) e una seconda classe (51 83 29-40 350-6 Bz) in livrea castano ma con logo FS “a televisore” (che di norma veniva applicato solo alle unità in grigio ardesia) e marcatura UIC, ambientabili per pochi anni a cavallo del 1970.

Confezione art. 3608 - foto da ebay
Confezione art. 3608 – foto da ebay

 

Inoltre nel 1999 viene messo in catalogo un set “Rapido R51” (art. 0418) contenente due carrozze “tipo 1959” di seconda classe di cui una in livrea “Treno Azzurro” e una in grigio ardesia con caratteristiche analoghe alle 3589 e 3590 (marcatura FS e cifre di classe in posizione bassa), oltre a una locomotiva E428 e una carrozza ristorante CIWL.

Nel corso degli anni ’90 vengono anche realizzate alcune versioni particolari, prodotte in “conto terzi”, che saranno analizzate nella prossima parte dell’articolo.

 

Carrozze FS “tipo 1959” Rivarossi – parte I: grigio ardesia per iniziare
Carrozze FS “tipo 1959” Rivarossi – parte III: produzioni in conto terzi
Carrozze FS “tipo 1959” Rivarossi – parte IV: ultime produzioni

Precedente Bollettino FIMF Successivo FS Materiale motore 2005