E444 Rivarossi – parte III: le TartarugOne

La fama delle “Tartarughe” alla fine degli anni ’60 è indiscussa, infatti Rivarossi, oltre che in scala H0, decide di realizzarne il modello anche nella più grande scala 0 (1:43,5): inizialmente si pensa all’E444 prototipo, annunciata come novità nel catalogo 1969 , ma già dall’anno successivo si corregge il tiro e si punta sulle E444 di serie le cui consegne al vero iniziano proprio nel 1970 (curiosamente in catalogo è illustrata ancora l’E444 prototipo, ma si specifica che il modello riproduce la seconda serie del prototipo, che deve testè uscire).

Il modello entra in produzione verso la fine del 1970 e riproduce la E444 015 (art. 7181) nel suo aspetto d’origine, priva cioè del fascione frontale rosso. La riproduzione, per essere in scala 0, non è molto dettagliata, in pratica, valutandolo a posteriori, sembra il modello in H0 (prodotto in realtà alcuni anni più tardi) con dimensioni raddoppiate e del quale ricalca varie imprecisioni come i vetri laterali non a filo, i pantografi neri, le ruote rosse, la mancanza del praticabile sul tetto, le targhe non colorate, i disegni della tartaruga sovradimensionati sui fianchi delle cabine.

E444 015 senza fascia frontale rossa, art. 7181 – foto da ebay

 

Verso il 1975 il modello riceve, come al vero, il fascione rosso frontale che, come sulla “sorella minore” in scala H0, ha le estremità con inclinazione invertita rispetto alla norma, continuando però a mantenere la stessa numerazione e lo stesso codice articolo e in questa veste la sua produzione si protrarrà stancamente sino alla metà degli anni ’80, senza alcuna modifica o miglioria (non si prova nemmeno a correggere l’inclinazione dei fascioni rossi), Rivarossi infatti non intende portare avanti la produzione in scala 0, che verrà abbandonata verso la fine del decennio.

E444 015 con fascia frontale rossa, art. 7181 – foto da ebay

 

Oltre che singolarmente, la locomotiva viene venduta anche in confezione con due carrozze tipo X e ovale di binari, con e senza trasformatore (rispettivamente art. 7008 e art. 7001); a queste si aggiunge intorno al 1980 un’ulteriore confezione comprendente un trasformatore elettronico.

In conclusione una tabella di riepilogo delle versioni di E444 prodotte in scala 0.

 
E444 Rivarossi – parte I: prototipi
E444 Rivarossi – parte II: unità di serie
E444 Rivarossi – parte IV: le TartarughiNe

Precedente Novegro, smobilitazione generale Successivo Il Modellismo Ferroviario