E444 Rivarossi – parte IV: le TartarughiNe

Oltre che in H0 (1:87) e in 0 (1:43,5) Rivarossi propone la riproduzione delle E444 anche in scala N (1:160); la genesi di questi modelli è analoga a quelli delle scale maggiori, con l’annuncio della produzione già nel 1969 come E444 prototipo per passare l’anno dopo alle unità di serie.

Il modello viene messo in vendita nel 1970, parallelamente a quello in scala 0 e all’entrata in servizio delle macchine vere. Inizialmente la produzione è con marchio Rivarossi-Atlas (per ulteriori dettagli si veda Rivarossi Memory).

L’unità riprodotta è la E444 015 (art. 2196), stessa numerazione di quella in scala 0, che si presenta nel suo stato d’origine, senza la fascia rossa frontale e con la modanatura in rilievo che cinge la cassa. La qualità della riproduzione, data l’epoca e data la scala, è buona, tuttavia anche nel modello in scala N troviamo i medesimi difetti di quelli in H0 e in 0 come la mancanza del praticabile sul tetto, i pantografi di colore nero anzichè rosso, i fianchi delle ruote rossi anzichè neri e i vetri non a filo cassa (quest’ultimo difetto in realtà, date le piccole dimensioni, è meno evidente), i disegni della tartaruga sovradimensionati sui fianchi delle cabine (hanno misure prossime alla scala H0…). Di contro il fregio frontale FS con relativa modanatura è stampato correttamente in rilievo, con ottimo effetto, e non semplicemente tampografato come sulle E444 in scala H0 (misteri di Rivarossi…).

E444 015, art. 2196 – foto da ebay

 

Intorno alla metà degli anni ’70 viene aggiunta, come al vero, la fascia rossa frontale (questa volta con inclinazione corretta delle estremità), per il resto il modello rimane invariato anche nella numerazione (E444 015), mentre varia il codice articolo che nel 1975-76 riceve il suffisso “/N” e dal 1977 diviene 9161: è presumibile che quest’ultima variazione coincida proprio con l’introduzione della fascia rossa.

E444 015, art. 9161 – foto da ebay

 

Fino alla metà degli anni ‘80 la E444, oltre che singolarmente, viene venduta anche in confezioni comprendenti carrozze, circuito di binari e trasformatore: per il dettaglio si veda la tabella in fondo all’articolo.

Confezione con E444 e 3 carrozze, art. 9006 – foto da ebay

 

Solo dopo la metà degli anni ’80 viene introdotta qualche miglioria nella finitura oltre a nuovi pantografi di colore rosso: nel 1986 viene annunciata la E444 006 (art. 9162), che però pare non sia stata prodotta, mentre nel 1988 arrivano la E444 053 (art. 9163) e la E447 023 (art. 9164), per quest’ultima valgono le stesse considerazioni fatte per la E447 in scala H0 circa l’incoerenza tra la classificazione come E447 e la presenza delle modanature.

E444 053, art. 9163 – foto da ebay

 

Nel 1992 infine si realizza un ultimo aggioramento con l’adozione di una nuova motorizzazione (Mabuchi) che ne migliora il funzionamento e le “Tartarughe” vengono proposte in due nuove numerazioni, la E444 091 (art. 9158) e la E447 041 (art. 9159), ma rimangono in produzione per poco tempo, infatti negli anni ’90 Rivarossi, con i mutati assetti societari, lascia da parte la scala N in stile italiano concentrandosi sull’H0, che ha un mercato maggiore.

E444 091, art. 9158 – foto da ebay

 

E447 041, art. 9159 – foto da ebay

 

Si sarebbe invece potuto approfittare dell’occasione per rilanciare i modelli con ulteriori piccole modifiche e migliorie (vetri a filo, eliminazione delle modanature per riprodurre le macchine nello stato più recente) e per gettare le basi per la versione con nuove cabine (E444R), all’epoca locomotiva di punta delle FS e all’apice della carriera in quanto utilizzata alla trazione dei treni più veloci e prestigiosi.

A margine tutto questo, nella seconda metà degli anni ’90 il negozio milanese Euromodellismo realizza il modello in scala N della E444R su base Rivarossi, sfruttandone la meccanica e la parte centrale della cassa, clonata in resina (comprese le modanature, visibili sulle fiancate…) e ovviamente con nuove cabine.

E444R 058 Euromodellismo su base Rivarossi – foto da delcampe.it

 

Le E444 in scala N sono ancora reperibili sul mercato dell’usato, ma con la solita scusa del “raro-rarissimo-introvabile” sono spesso oggetto di vergognose speculazioni.

In conclusione la solita tabella riportante le varie versioni prodotte (singole e confezioni), non si escludono errori od omissioni.

E444 Rivarossi – parte I: prototipi
E444 Rivarossi – parte II: unità di serie
E444 Rivarossi – parte III: le TartarugOne

Precedente Habemus E626! (le nuove E626 LE Models) Successivo Carrozze FS Az 20.500 – ACME