Monster – Recensione

Monster

Trama:

Düsseldorf, 1986. Il giovane e brillante neurochirurgo giapponese Kenzo Tenma salva un bambino, Johan, da morte certa. Contemporaneamente si consumano nel presidio ospedaliero nel quale lavora il medico alcuni delitti di cui verrà accusato lo stesso Tenma, soprattutto da parte dell’ispettore di polizia Lunge. Nove anni dopo Johan commetterà una serie di efferati omicidi. Venuto a sapere che l’assassino è proprio Johan, Tenma decide di lasciarsi alle spalle il lavoro e gli amici per catturarlo e ucciderlo, per rimediare all’errore fatto nove anni prima e scagionarsi. Ma durante l’inseguimento il giovane chirurgo scoprirà che molte nubi sono addensate sul misterioso passato di Johan, che emergerà pian piano con una tragica verità, e che ha coinvolto anche la sorella di Johan, Nina.

Wikipedia

E’ stato pubblicato dalla Panini Comics in due edizioni, una prima composta da 18 volumetti ed una seguente Deluxe di nove volumi.

E’ un’opera dell’autore giapponese Naoki Urasawa, già ben noto al pubblico per le sue opere quali Pluto, 20th Century boys, Billy bat ecc.

Mi fa piacere parlarvi di quest’opera, poiché lo reputo uno dei fumetti migliori che abbia mai letto nella mia lunga carriera di collezionista. Lo stile di disegno è indubbiamente eccellente, i volti sono molto espressivi, anche le tavole dinamiche riescono perfettamente a rendere l’idea che l’autore intende dare di quel determinato momento. A differenza delle sue altre opere, in questa tutto, dal disegno alla trama, spicca per il realismo.

L’autore ci mette di fronte un personaggio fondamentalmente buono e, come purtroppo spesso accade, questo gli sarà fatale. Un giovane e stimato neurochirurgo con davanti a sé una carriera sicura e una moglie attraente perde tutto per una scelta che non poteva fare a meno di compiere. Trovatosi di fronte alla scelta di operare o un sindaco o un bambino con una ferita di proiettile alla testa, ha deciso per quest’ultimo. Questa scelta lo porterà ad un incredibile viaggio e all’incontro con parecchi personaggi veramente molto ben creati. La trama è fitta di avvenimenti, molte volte si avrà l’impressione che l’autore vada fuori storia, narrando fatti che all’apparenza sembrano inutili, ma che poi combaceranno perfettamente.

Nella mia esperienza di collezionista ho letto parecchi fumetti, sia manga sia supereroi sia opere italiane. Raramente però mi sono sentito in dovere di far conoscere il più possibile un fumetto. In questo caso non posso esimermi dal consigliare vivamente l’acquisto di quest’opera. Il mio consiglio è rivolto a lettori adulti, poiché saranno in grado di apprezzare maggiormente il valore dell’opera stessa. Viste le tematiche, sconsiglio la lettura ai ragazzi di età inferiore ai 16 anni.

PRO

– Trama realistica e al tempo stesso terrificante

– Assolutamente consigliata agli amanti del Thriller

– Disegni puliti e realistici senza esagerazioni di sorta.

CONTRO

– Non pervenuti.

Precedente Carrozze FS a piano ribassato Lima – parte IV: XMPR e ultime produzioni Successivo Vagabond - Recensione