Crea sito

Carrozze FS “tipo 1933” serie 61.000 – ACME

Dopo aver trattato in un precedente articolo le carrozze FS “tipo 1931”, questa volta parliamo di un’altra famiglia di carrozze FS degli anni ’30 realizzate da ACME in scala H0 (1:87), le “tipo 1933”. Si trattava al vero di un gruppetto di sole 30 unità miste di prima, seconda e terza classe classificate ABCz 61.000-029, costruite nel 1937-38 riprendendo l’architettura delle precedenti “tipo 1931” (a loro volta evoluzione delle “tipo 1921”) ma con caratteristiche innovative come appunto l’allestimento a tre classi (a quanto ne sappiamo un unicum tra le carrozze FS di tipo “moderno”) e l’adozione di serie dell’impianto di riscaldamento elettrico (REC) in quanto espressamente concepite per i servizi internazionali, ricordiamo infatti che in ambito FS  il riscaldamento elettrico delle carrozze sarebbe stato adottato solo dopo la guerra. Ricordiamo anche che dopo l’abolizione della terza classe (3 giugno 1956) queste carrozze divennero miste di prima e seconda, infatti gli scompartimenti di seconda e terza classe vennero promossi rispettivamente a prima e seconda.

Contrariamente al vero i modelli ACME delle “tipo 1933”, sempre prodotte in Italia da Laser, vedono la luce prima delle “tipo 1931” e nel 2006 vengono consegnate le prime tre versioni: la ABCz 61.023 in livrea castano-isabella (art. 50280), ambientabile dopo la guerra e fino al 1956, la ABz 61.014 in livrea castano (art. 50281), ambientabile negli anni ’60, e la 50 83 39-10 006-9 ABz (art. 50282) in livrea grigio ardesia ambientabile a cavallo tra gli anni ’70 e i primi ’80 (anche un po’ più in là, fino a fine decennio, chiudendo un occhio sulla presenza della “z” nella marcatura, abolita nel 1982).

ABCz 61.023, art. 50280 – foto da ebay
ABz 61.014, art. 50281 – foto da catalogo ACME
50 83 39-10 006-9 ABz, art. 50282 – foto da ebay

Nel 2007 è la volta della ABz 61.008 allo stato d’origine in livrea verde vagone (art. 50283), ambientabile negli anni ’30.

ABCz 61.008, art. 50283 – foto da ebay

Nel 2010 infine viene riproposta la versione verde vagone, con diverso numero di servizio (ABz 61.005, art. 50284).

ABCz 61.005, art. 50284 – foto da ebay

Le caratteristiche costruttive sono analoghe a quelle delle già citate “tipo 1931”, qui apprezziamo la variegata disposizione dei finestrini, più o meno larghi e più o meno distanziati a seconda della tipologia di scompartimento (prima, seconda o terza classe) a cui corrispondono, e l’arredo interno con sedili correttamente differenziati tra le varie classi.

Dettaglio della ABCz 61.008, art. 50283 – foto da ebay

Nel sottocassa troviamo, oltre agli elementi dell’impianto frenante, le casse delle batterie e il cassone delle apparecchiature REC disposti sul lato del corridoio, particolari che sulle unità in verde vagone presentano alcune differenze per riprodurne la conformazione d’origine. Non manca, su ciascun lato, la maniglia del combinatore di tensione, riprodotta in modo un po’ semplificato. I carrelli corrispondono al tipo 31 che al vero debuttò proprio su queste carrozze e su di essi sono montati i gradini di salita, onde evitare interferenze in curva. I ganci sono dotati di innesto unificato a norma NEM con timoni di allontanamento.

La decorazione non presta il fianco a critiche, le tonalità appaiono fedeli al vero e le iscrizioni ben eseguite, tra queste si apprezzano le marcature con ombreggiatura rossa (tranne ovviamente sull’unità grigio ardesia). Sulle versioni in castano-isabella e in castano sottocassa e carrelli sono correttamente castani.

All’epoca della loro prima commercializzazione queste carrozze erano in vendita a 56 euro, corrispondenti, secondo le rivalutazioni ISTAT, a circa 66 euro odierni, e attualmente sono reperibili sul mercato dell’usato a prezzi oscillanti grossomodo in questa fascia.

Come per le “tipo 1931”, anche qui il tema non è stato sviluppato nella sua totalità, manca infatti all’appello la versione in livrea castano-isabella mista di prima e seconda classe ambientabile tra la fine degli anni ’50 e la seconda metà del decennio successivo, non escludiamo però che possa prima o poi essere realizzata.