Crea sito

Gli “instabili” modelli Bettiart

Sul finire degli anni ‘70 il mercato fermodellistico italiano era in condizioni depresse e deprimenti, ormai trascurato perchè considerato marginale tanto dai produttori nazionali (Lima e Rivarossi) quanto, a maggior ragione, da quelli stranieri. In questo panorama si inserirono diversi produttori artigianali i quali, spesso con mezzi di fortuna, tecnologie rozze e materiali non all’altezza, proponevano modelli italiani, forti del fatto che, in mancanza di meglio, sarebbero stati comunque assorbiti dal mercato, come in effetti è stato.

Uno di questi artigiani era Bettiart, attivo principalmente tra la fine degli anni ’70 e la prima metà degli anni ’80, che realizzò diversi rotabili in scala H0 (1:87) allora, e in parte ancora oggi, del tutto inediti.
Con l’occhio di oggi questi modelli appaiono senz’altro grossolani, quale più quale meno, e con un rispetto delle proporzioni in scala tutt’altro che ineccepibile, ma il loro principale difetto, oltre al funzionamento spesso incerto, era il materiale con cui erano realizzati: poichè la termoplastica avrebbe richiesto attrezzature per lo stampaggio dai costi non alla portata di un piccolo artigiano, Bettiart, come anche altri, scelse una resina affetta però da un “lieve” difetto: era infatti chimicamente instabile, cosa che comportava con il tempo l’inesorabile sgretolamento dei modelli, con buona pace dei proprietari che li avevano acquistati a prezzi non propriamente popolari. In un secondo tempo il produttore adottò una resina di tipo diverso, denominata “Metaplast”, ma fu solo un palliativo perchè i modelli continuarono, anche se in misura minore, a sgretolarsi. Per questo motivo i modelli Bettiart giunti integri fino ai giorni nostri non sono moltissimi e in ogni caso se ne sconsiglia vivamente l’acquisto sul mercato dell’usato (spesso, con la scusa del “raro-unico-introvabile” sono in vendita a prezzi spropositati) per non trovarsi poi con cattive sorprese.

In questo articolo faremo una carrellata sui vari modelli prodotti da Bettiart, chiaramente senza la pretesa dell’esaustività; al momento non di tutti è stato possibile reperire fotografie.

Locomotive
Tra le locomotive FS sono state prodotte la E400,

E400 – foto da ebay

 

la E424 prototipo (che abbiamo già incontrato in un altro articolo), realizzata clonando una E424 Lima, con le opportune modifiche,

E424 prototipo – foto da ebay

 

e la E633 prototipo (anche di questa abbiamo già parlato).

E633 prototipo – foto da ebay

 

Elettrotreni
E’ nel campo dei mezzi leggeri FS (elettrotreni, elettromotrici, autotreni, automotrici), i grandi trascurati dalla produzione industriale, che Bettiart ha avuto la meglio. Tra gli elettrotreni ha proposto un ETR 250 “Arlecchino”, del quale possiamo apprezzare il tentativo, in realtà non del tutto riuscito, di riprodurre le complesse forme dei frontali,

ETR 250 – foto da worthpoint.com

 

ETR 250, particolare dei frontali – foto da worthpoint.com

 

oltre ai “grandi classici” ETR 200 ed ETR 220.

Elettromotrici e rimorchi
Tra le elettromotrici FS troviamo la E624 serie 001-002 (ancor oggi inedita), prodotta clonando le fiancate e il tetto di una carrozza Rivarossi Bz 31.000 e le porte di una piano ribassato Lima,

E624 001 – foto da ebay

 

la ALe 402, che non può certo dirsi ben riuscita,

ALe 402 – foto da ebay/yak1998

 

e, derivata da questa, la ALe 781,

ALe 781 004 – foto da ebay

 

la ALe 840 con rimorchiata Le 840, invero piuttosto bruttine (sebbene l’incisione dei frontali sia senz’altro migliore delle successive GT),

ALe 840 – foto da ebay

 

accompagnate da una rimorchiata Le 640 di discreta fattura (per certi versi anche migliore dell’omologa GT, di poco posteriore), a parte l’errata realizzazione della fiancata destra con il finestrino della cabina di foggia diversa dagli altri, nella realtà presente solo sulla fiancata sinistra,

Le 640 – foto da ebay

 

e la ALe 601 con rimorchio Le 601.

ALe 601 con rimorchio Le 601 – foto da ebay

 

Autotreni
Non poteva mancare l’ATR 100, unico autotreno di serie posseduto dalle FS, proposto in livrea castano-isabella e forse anche in altre coloriture, e che possiamo vedere in questo video.

 

 

Automotrici e rimorchi
Diversi i gruppi di automotrici FS realizzate da Bettiart: le ALb 80 e ALn 80,

ALb 80 – foto da ebay

 

ALn 80 103 – foto da ebay

 

le ALb 56, ALn 56 e 556 Breda,

ALb 56 302 (numerazione errata in quanto queste automotrici erano numerate da 201 a 210) – foto da ebay
ALn 56 – foto da ebay

 

la ALn 880, la ALn 990 OM (serie 3000),

ALn 990 – foto da ebay

 

la ALn 772, della quale esiste una versione più “primitiva”, realizzata adattando e assemblando parti di modelli Lima,

ALn 772 1001 – foto da ebay

 

e da cui naturalmente è stata derivata anche la particolare automotrice “belvedere” ALTn 444 3001 (al vero un esemplare unico realizzato proprio sulla base di un’ALn 772),

ALTn 444 3001 – foto da ebay

 

la ALn 773, tutto sommato neppure troppo malvagia, con il rimorchio Ln 664 3500 (stesso stampo e stessi difetti del precedente Le 640, con in più la mancanza della fascia azzurra inferiore),

ALn 773 e Ln 664 – foto da ebay

 

e della quale esiste anche una (terrificante) versione precedente, molto grossolana, realizzata con un “taglia e cuci” fatto in modo tutt’altro che impeccabile di parti di modelli Lima (si riconosce la parte centrale proveniente da una carrozza tipo Y, mentre le testate sembrerebbero derivate da un’elettromotrice svizzera RBe 4/4),

La primitiva ALn 773 – foto da ebay

 

declinata anche come ALn 873,

ALn 873 3514 – foto da ebay

 

fino alle più moderne ALn 668 serie 1200 e 3100 (il modello era venduto con particolari e decals da applicare a cura dell’acquirente per ottenere una o l’altra serie)

ALn 668 – foto da ebay

 

e ALn 663.

ALn 663 1001 – foto da ebay

 

Ferrovie private
Sempre trascurati dalla produzione industriale, alcuni modelli di ferrovie private erano nel catalogo Bettiart, tra cui un convoglio delle Ferrovie Nord Milano comprendente un’elettromotrice EB 740 con rimorchiate EA 840 ed EB 910 (realizzate clonando parti di carrozze Rivarossi serie 31.000 e 52.000),

Convoglio FNM con elettromotrice EA 740 e rimorchi – foto da ebay

 

ulteriori varianti dell’elettromotrice EB 740 FNM,

EB 740-18 FNM – foto da ebay

 

un’automotrice della SFB (Strade Ferrate di Biella, esercente la linea Biella-Santhià) della stessa tipologia delle ALb 80, marcata AL 01 (in realtà tale automotrice era classificata ALb 64.36.51, successivamente immatricolata nel parco FS come ALb 80 111),

AL 01 SFB – foto da ebay

 

un’elettromotrice serie 1-10 Breda della SEFTA (in servizio fino ai primi anni ’90 sulla Ferrovia Modena-Sassuolo), realizzata in due varianti di coloritura (bianco-marrone e bianco-blu),

Elettromotrice tipo Breda SEFTA in livrea marrone-bianco – foto da ebay/yak1998

 

Elettromotrice tipo Breda SEFTA in livrea blu-bianco – foto da ebay/yak1998

 

un’elettromotrice della Roma Nord (SRFN), realizzata con parti dell’elettromotrice RBe4/4 SBB Lima.

ECD11 SRFN – foto da ebay

 

Tram
Forse meno noti dei modelli ferroviari, Bettiart ha riprodotto anche mezzi tranviari, in particolare, giocando in casa, la tipica elettromotrice romana MRS.