Crea sito

Simulatore locomotiva E444

simulatore E444

Nella seconda metà degli anni ’90 programmi come Train Simulator di Microsoft erano ancora di là da venire e i pochi simulatori ferroviari disponibili erano realizzati in maniera “casereccia” da parte di singoli appassionati. A quell’epoca chi voleva mettersi nei panni di un macchinista e sedersi al banco di comando di una locomotiva poteva scaricare liberamente da Internet la prima versione del simulatore di guida della locomotiva E444, realizzato da un macchinista FS, Paolo Sbaccheri, che aveva avviato il progetto già nei primi anni ’90. La grafica era estremamente semplice, diremmo essenziale, tanto che il treno era rappresentato sullo schermo visto dall’alto, con una serie di rettangolini a raffigurare locomotiva e carrozze. In ogni caso il programma permetteva di provare l’ebbrezza di condurre in modo realistico una E444 sulla difficile tratta appenninica Firenze-Bologna. I requisiti di sistema per il funzionamento oggi fanno sorridere: processore 286, 640 kB di RAM, scheda video VGA, 145 kB di spazio su disco.

Per una più completa descrizione del simulatore riportiamo quanto scriveva l’autore nel manuale a corredo del programma:
Il programma simula la guida di un treno trainato dalla locomotiva 444 dalla stazione di Firenze S.M.N. a quella di Bologna C..
Lo schermo mostra nella meta` superiore tratti di linea (binari) in pianta lunghi 1600 m, sui quali si muove il treno. Sono rispettate le proporzioni orizzontali, un pixel rappresenta 2.5 metri di lunghezza, ma non quelle verticali, per evitare di disegnare il treno largo solo un paio di pixel.
Nella meta` inferiore dello schermo sono rappresentati gli strumenti principali della locomotiva.
Si possono scegliere tre tipi di treni: un intercity, una freccia e un locale.
Il programma e` senza nessuna pretesa: la grafica e` schematica, l’animazione e` il piu` semplice possibile; tuttavia quello che succede e`senz’altro attendibile.
(…)
Ho scritto il programma un paio di anni fa per ATARI ST.
Il passaggio da ATARI ST a PC non e` stato facile, sia perche` possiedo il PC da pochi mesi e quindi lo conosco pochissimo, sia perche` ho dovuto impararmi un po’ di C.

Il simulatore ebbe un buon successo tra gli appassionati di ferrovie, tanto che negli anni successivi l’autore ha realizzato nuove edizioni, con grafica sempre più evoluta (visione non più dall’alto ma dal posto di guida) e nuove locomotive oltre alla E444. L’ultima versione è disponibile qui.