E428 Rivarossi (1:80) – parte III: aerodinamiche

Dopo aver realizzato le unità semiaerodinamiche e con avancorpi, nel 1972 Rivarossi avvia la produzione anche dell’ E428 aerodinamica (204-242, quarta serie FS), ancora mancante all’appello: l’unità prescelta è la E428 241, art. 1446, e su di essa sono presenti già in partenza tutte le migliorie introdotte sui modelli delle serie precedenti, in particolare il motore su bronzine. La cassa è ovviamente nuova mentre la meccanica è ripresa integralmente dalle E428 già in produzione, cosa che comporta un compromesso: al vero infatti le E428 aerodinamiche avevano i panconi frontali non piatti ma con profilo “a punta”, al fine di adattarsi alla maggiore lunghezza della cassa, sul modello invece si utilizza la componentistica già esistente e quindi i panconi sono piatti. Nella realtà esisteva un’unica E428 con questa particolarità: si trattava della 162 che, nata nel 1938 come semiaerodinamica (terza serie), già nel 1942, in seguito a danni bellici, era stata ricostruita con cassa uguale alle unità di quarta serie, che in effetti sporgeva leggermente dai panconi frontali, con effetto estetico non bellissimo. Rivarossi però, per evitare questo inestetismo, preferisce comprimere leggermente le testate del modello in modo da farle rientrare entro la sagoma dei panconi: al giorno d’oggi la cosa avrebbe destato scandalo e scalpore, all’epoca però i gusti e le aspettative sono differenti e quindi ci si passa sopra senza particolari problemi.

E428 241, art. 1446 – foto da ebay

Per il resto le caratteristiche sono del tutto analoghe a quelle dei modelli delle altre serie prodotti in contemporanea, comprese le targhe in rilievo riportanti come costruttore “Rivarossi – Como”, qui però notiamo che i vetri non a filo cassa guastano più che nelle altre serie l’aspetto del modello soprattutto nei frontali. Se non altro però, rispetto alla versione semiaerodinamica, i portelloni laterali sono corretti su entrambe le fiancate.

Verso il 1978 vengono introdotti i diodi per l’inversione dei fanali secondo il senso di marcia e il codice articolo diviene 1446/1.

Un paio d’anni più tardi il modello viene proposto con qualche miglioria alla finitura come le targhe tampografate e un nuovo numero di servizio, E428 226 (art. 1462): ovviamente la scelta di questa numerazione è casuale dato che al tempo la 226 non è ancora la famosa “Pirata” in livrea beige-arancio-viola ma una normalissima E428 nei tradizionali colori castano-isabella.

Intorno al 1983 si adottano i pantografi rossi, ma sempre erroneamente di tipo 52, con conseguente variazione del codice articolo, che diviene 1462/1.

E428 226, art. 1462/1 – foto da ebay

Nel 1987, come per i modelli delle altre serie, anche quello dell’E428 aerodinamica subisce alcune migliorie: nuovi pantografi tipo 32, ruote castane con quelle motrici dotate di riproduzione della trasmissione a tamponi in gomma, aggiunta di dettagli come trombe, fischi e corrimani frontali (questi ultimi solo stampati), nuovi carrelli portanti tipo Ap1110, finitura più curata con tonalità dei colori più fedeli al vero, iscrizioni di servizio che ambientano la macchina negli anni ’80. Nuovo anche il numero di servizio, E428 206, art. 1479.

E428 206, art. 1479

Ovviamente, dato che la E428 226 “Pirata” nella sua sgargiante livrea per treni navetta aveva debuttato l’anno precedente, Rivarossi non si lascia sfuggire l’occasione per riprodurla (art. 1480): di questa abbiamo già parlato in un precedente articolo, al quale rimandiamo per maggiori dettagli.

E428 226, art. 1480 – foto da ebay

É comunque il canto del cigno, infatti rimarranno in produzione per poco tempo, fino al 1991-92: i tempi sono ormai cambiati e questi modelli, nonostante i tentativi di rinnovamento (peraltro fatti in maniera poco convinta, vedi il perpetrarsi dell’assenza dei vetri a filo cassa) sono ormai obsoleti e svantaggiati dalle loro dimensioni in scala 1:80 circa, che ne rende antiestetico l’accostamento a mezzi in scala H0 esatta.

Per finire una piccola annotazione: diversamente da quelli delle altre serie, i modelli delle E428 aerodinamiche non sono mai stati inseriti all’interno di confezioni nè venduti in scatola di montaggio.

(click per ingrandire)

E428 Rivarossi (1:80) – parte I: semiaerodinamiche
E428 Rivarossi (1:80) – parte II: con avancorpi

Precedente E428 Rivarossi (1:80) – parte II: con avancorpi Successivo “Littorine” FIAT ALn 556 Rivarossi – parte II: nuove versioni 2019