E636 Roco – parte I: prima serie “musi larghi”

Nel 1989, forte del successo della E626 di 9 anni prima, Roco mette in produzione la locomotiva FS E636 in scala H0 (1:87). Fino ad allora l’unica riproduzione disponibile di questa importante e diffusa macchina (469 esemplari costruiti al vero tra il 1940 e il 1962) era l’ormai antiquato modello Rivarossi degli anni ’50 che, seppur rimaneggiato in epoca successiva, era ormai decisamente superato sia per le proporzioni troppo abbondanti (1:80 circa) sia perchè un tale coacervo di errori e imprecisioni, come lo definì la rivista “I Treni oggi” in un editoriale nel 1985. Lima dal canto suo, per motivi incomprensibili, non aveva mai preso in considerazione la realizzazione dell’E636, pur potendo sfruttare parti di modelli già in produzione (E646 ed E424), con beneficio di costi.

Vista frontale della E636 019, art. 43607
Vista frontale della E636 019, art. 43607

 

Roco decide di riprodurre macchine di prima serie (001-108), tutte ambientate a partire dalla seconda metà degli anni ’80 e già con le modifiche attuate in quel periodo (ad esempio la ricostruzione del telaio sotto le cabine). Inizialmente vengono consegnate 4 numerazoni: tre nella normale colorazione castano-isabella (055, 088, 091), più la E636 080 in livrea sperimentale blu-grigio, quest’ultima in serie “limitata e irripetibile” (ma riproposta 25 anni dopo…).

E636 080, art. 43608 (foto da ebay)
E636 080 in livrea blu-grigio, art. 43608 (foto da ebay)

 

La nuova E636 Roco si presenta subito come un modello di qualità: le casse, in plastica, sono ricche di dettagli riportati (corrimani, ghiere dei fanali, ganci e accoppiatori frontali ecc.). La colorazione è ben eseguita, anche se le tonalità risultano un po’ “cariche”, soprattutto sulle unità in castano-isabella .

E636 055, art. 43605 (foto da ebay)
E636 055, art. 43605 (foto da ebay)

 

E636 088, art. 43606 (foto da ebay)
E636 088, art. 43606 (foto da ebay)

 

E636 091, art. 43607 (foto da trenoincasa.it)
E636 091, art. 43607 (foto da trenoincasa.it)

 

La parte meccanica è il vero punto di forza di questa macchina e la rende un vero e proprio “mulo”, adatta ad un uso intensivo sul plastico: il telaio in metallo le conferisce un peso notevole (655 g), il motore, collocato al centro, aziona i carrelli estremi tramite alberi telescopici con giunti cardanici, viti senza fine e cascata di ingranaggi. Grazie a queste caratteristiche il funzionamento è molto regolare la forza di trazione elevata (due ruote, una su ciascun carrello, sono anche dotate di anelli di aderenza in gomma).

E636 045, art. 43605 (foto da ebay)
E636 045, art. 43605 (foto da ebay)

 

E636 064, art. 43606 (foto da redsbazaar.it)
E636 064, art. 43606 (foto da redsbazaar.it)

 

E636 019, art. 43607
E636 019, art. 43607

 

E636 061 in livrea isabella, art. 43604 (foto da ebay)
E636 061 in livrea isabella, art. 43604 (foto da ebay)

 

L’ottima fattura è purtroppo inficiata da un difetto non trascurabile nè facilmente rimediabile: i musi frontali della locomotiva infatti sono più larghi del dovuto di circa 2 mm, cosa che ne altera leggermente l’aspetto in quanto la rastrematura dei frontali è meno accentuata rispetto al vero. Altri difetti, meno gravi e più facilmente risolvibili, sono la “mutilazione” della parte inferiore dei panconi frontali, necessaria per non interferire con il sottostante gancio (montato su portagancio a norma NEM 362), cosa che comporta un posizionamento non del tutto fedele al vero delle condotte pneumatiche, la scarsa finezza di alcuni particolari come i corrimani (in plastica) e i pantografi, di produzione Sommerfeldt, anch’essi non molto fini e non riproducenti in modo adeguato i 42LR montati al vero. Un altro piccolo difetto è da segnalare sull’impianto elettrico: i cavetti a cavallo dello snodo centrale con l’uso tendono a rompersi, in tal caso è opportuno sostituirli con altri di sezione maggiore, più robusti, ma non troppo rigidi.

E636 047, art. 43605 (foto da ebay)
E636 047, art. 43605 (foto da ebay)

 

E636 085 in livrea isabella con boccole a rulli, art. 43604.1 (foto da ebay)
E636 085 in livrea isabella con boccole a rulli, art. 43604.1 (foto da ebay)

 

E636 036 in livrea isabella, art. 43604.2 (foto da subito.it)
E636 036 in livrea isabella, art. 43604.2 (foto da subito.it)

 

E636 012 nella particolare livrea isabella con tetto castano, art. 43605.1 (foto da ebay)
E636 012 nella particolare livrea isabella con tetto castano, art. 43605.1 (foto da ebay)

 

E636 017, art. 43605.2 (foto da ebay)
E636 017, art. 43605.2 (foto da ebay)

 

Nel tempo vengono prodotte nuove versioni, sempre della serie 001-108, tutte ambientate in epoca IV-V e in livrea castano-isabella o in quella semplificata tutto isabella, introdotta a partire dal 1990, o ancora in quella ibrida isabella con tetto castano visibile negli anni ’90 su qualche unità. In realtà non tutte le numerazioni sono perfettamente coerenti con lo stato dei prototipi reali: ad esempio alcune macchine al vero avevano le griglie di aerazione presso l’articolazione situate lato cabina AT e non lato corridoio come sul modello.
Ecco un prospetto riepilogativo di tutte le versioni prodotte, in ordine cronologico, da notare che in alcuni casi a numerazioni diverse corrisponde lo stesso codice articolo:

art. anno di produzione numerazione livrea deposito note
43605 1989 E636 055 castano-isabella Trieste C.le  
43606 1989 E636 088 castano-isabella La Spezia  
43607 1989 E636 091 castano-isabella Roma S. Lorenzo  
43608 1989 E636 080 blu-grigio Verona S. Lucia serie limitata
43605 1990 E636 045 castano-isabella Trieste C.le  
43606 1990 E636 064 castano-isabella Bolzano  
43607 1990 E636 019 castano-isabella Foggia  
43604 1992 E636 061 isabella Ancona  
43605 1992 E636 047 castano-isabella Roma Smistamento  
43604.1 1998 E636 085 isabella La Spezia con boccole a rulli
43604.2 1998 E636 036 isabella Livorno  
43605.1 1998 E636 012 castano (solo tetto)-isabella La Spezia  
43605.2 1998 E636 017 castano-isabella Bologna S. Donato  

(dati ricavati da http://gamos81.altervista.org/)

Nel 2000 gli stampi vengono modificati per riprodurre macchine di seconda serie (in particolare della sottoserie 113-124) o di prima serie modificate, con coprigiunto sotto le cabine “a scalino”, e in quest’occasione verranno rifatti i frontali, ora con larghezza corretta: di queste ci occuperemo in seguito.
Nel frattempo le E636 di prima serie scompaiono dal catalogo Roco per riapparire una quindicina di anni più tardi, nel 2014, in versione (parzialmente) riveduta e corretta.

 

E636 Roco – parte II: 2ª serie (e 1ª modificata)
E636 Roco – parte III: ancora 2ª serie
E636 Roco – parte IV: la “Camilla”
E636 Roco – parte V: ritorno alle origini

Precedente Rarità FS 1 e 2 Successivo La rete FS a scartamento ridotto della Sicilia